Portale web di promozione turistica per Villalago (AQ), l'antica Villa de Lacu, oggi annoverata nel Club dei Borghi più Belli d'Italia

Sei nella sezione: Termini Dialettali

Copyright © 2006-2014  RR/FG - www.villalago-abruzzo.com  - www.villalago-abruzzo.org   - All Rights Are Reserved - E-mail:info@villalago-abruzzo.com


Home
Su
Il Paese
Come Arrivare
Scheda di Villalago
Cenni Storici
Il Santo Patrono
Cosa Vedere
Eventi e Ricorrenze
Artigianato Locale - Souvenirs
Cucina Locale
Attrazioni Turistiche
Galleria Immagini
La Valle dei Laghi
La Riserva Naturale di Villalago
Le Vostre Foto Ricordo
Villalaghesi nel Mondo
Numeri Utili
Esercizi Commerciali
Ricettività
Links
News - Notizie e Novità
La Giunta Comunale...in carica
Archivio

 

Principali Feste Religiose:

San Domenico Abate: agosto

Le Fanoglie: gennaio

Madonnina del Lago: maggio

Madonna delle Grazie: luglio

Sant'Antonio da Padova: luglio

Madonna di Loreto: settembre

 

 

 

 

 

 

Madonna Addolorata

Attività della

Pro-Loco di Villalago

 

 

 

Abruzzo...

Regione dei Parchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attrazioni Turistiche

 

 

 

 

 

 

 

Immagini Fiori

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricettività

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I termini dialettali di Villalago...

 

Il Dialetto: un legame con il passato da mantenere vivo

Da qualche anno, gli alunni della Scuola Primaria di Villalago, guidati dall’insegnante di Italiano, si stanno dedicando "alla riscoperta delle proprie radici linguistiche", cioè ad un’ approfondita ed interessante conoscenza del dialetto,  parlato tanto dai loro nonni, in parte dai propri genitori, quasi mai dai bambini stessi.

Grazie ad un lungo lavoro di ricerca dei termini dialettali (circa un migliaio) ed all'intervento in classe, negli anni passati, di  un esperto in materia, ed alla partecipazione al Concorso Regionale di Poesia Dialettale "Romualdo Parente", hanno imparato molti segreti di questa particolare “lingua”, che possono definire “la lingua dell’anima”, e sono riusciti a comprenderne il grande valore. 

Riportiamo, perciò, di seguito parte dei tantissimi termini in dialetto villalaghese raccolti dagli alunni (aiutati soprattutto dai propri nonni)  e che, con la guida della maestra Sig.ra Gabriella, hanno raggruppato per “categorie” ed in ordine alfabetico, con la relativa traduzione in italiano. Hanno scelto quelli che sembravano loro più originali e simpatici. Gli accenti grafici posti sugli stessi ne indicano la corretta lettura.

 

Nota:

Le “e” non accentate, poste all’interno delle parole e quelle finali , non vanno pronunciate.

Buona lettura e buon divertimento!

 

Nomi comuni di Cose:

 

àca = ago

acchiappariélle = molletta per stendere i panni

agliaròla = oliera

appezzutalàps = temperalapis, temperamatite

bavarèlla = bavaglino

càcchie = grappolo

caiòla = gabbia

casuriélle = salvadanaio

checarùccia = piccolo contenitore per latte o caffè

chettùre = pentolone  per far bollire   l'acqua                       

chiancóne  o peschióne = masso, macigno

chiùve = chiodo

ciàppa = molletta per capelli

ciucculattèra = caffettiera

còtte = cappotto

crùschie = bruschetta

culennétta = comodino

cuppìne = mestolo

cuttrélla = pentola di rame per cuocere la minestra.

fèlla = fetta

fercìna = forchetta

fressóra = padella per fritture

frónna = foglia

fuórchie = pollaio, porcile

gammàtta = gomitolo

gargarùcia= favilla

granàra = scopa

làche = lago

làsteca = elastico

mandìle  o mappìna  = strofinaccio, canovaccio

matunàta = pavimento

meglìca = briciola di pane

menzàle = tovaglia da tavola

'mmaccatùre = fazzoletto per la testa

'mmuttìlle = imbuto

nenguènta = nevicata

nòcca = fiocco

pazziarèlle = giocattoli

pelétta = lavello, lavandino

pertósa = asola

pesciatùre = vaso da notte

petécchie = lentiggini

petòcia = livido

piéschie = serratura

pìnghe = tegola

piùnge = piombo

priétela = sgabello di legno

pròspere = fiammifero

putèca = bottega

rellòggia = orologio, sveglia

saccùta o saccòccia = tasca

salviètte = tovagliolo

scassaléttere = gomma per cancellare

scénna= ala di volatile

scòla = scuola

scòlla = cravatta

sèvecia o sèggia = sedia

spetùglia = saliva

spólvere = vestaglietta da cucina, da casa

stèlla = grossa fetta di pane

stréccia = pettine

stùppele = tappo di sughero, turacciolo

tétézzìnne = piatti del bandista

tezzóne = pezzo di legna bruciata

tièlla = pentola, tegame

tiralàmpa = cerniera

vaccìle = bacinella, catino

vacherélle = bollicine

vàmpa = fiamma

vàva = bava

vuccàle =  boccale, brocca

vuccàta = folata di vento

vùmme = rutto, rigurgito

vuózze = bernoccolo

zagarèlle = stelle filanti

zenàle = grembiule dello scolaro

zòca = fune, corda

 

 

 

 

Nomi comuni di Frutti ed Ortaggi:

 

ceràcia = ciliegia

cetróne = cocomero, anguria

checòccia = zucca

cucuccìlle = zucchina

fìcura = fico

gliànna = ghianda

lécena = prugna

mannelìlle = mandorla acerba

merìcula = mora

mulengèlla = cetriolo

patàna = patata

peparóule = peperone

pèrzeca = pesca

portegàlla = arancia

precòca = albicocca

premadòla = pomodoro

pretesìmmele = prezzemolo

spógna =finocchio

tregnòzza = bacca selvatica

vellàna = mandorla

 

 

 

 

Nomi comuni di Animali:

 

ainùcce= agnellino

auciélle = uccello

azzóne = calabrone

ciammarùca = chiocciola; lumaca

gallenàcce = tacchino

lèbbre = lepre

maravuózze = rospo

mecìlle = micetto, gattino

póvece = pulce

pruócchie = pidocchio

puvecìne = pulcino

ruónnela = donnola

santaciécula = lucciola

saràca = aringa

scarapìnge = pipistrello

scupàcchie = leprotto

sórge = sorcio, topo

viòcca = chioccia

vòve = bue

 

 

 

Nomi comuni di Persona:

 

cìtele = neonato, bimbetto

criatùra = creatura; neonata

cunàte = cognato

fràte = fratello

jénere =genero

majùre o tatone = nonno, bisnonno

mammùccia = nonna, bisnonna

miédeche = medico

'mmammòcce = ragazzino dispettoso

nóra = nuora

òmmene = uomo

prèute = prete

quatràne = bambino

sòra = sorella

trùfele = persona piccola e tozza

uaglióne = ragazzo

uìnnele =  ragazzino svelto, agile

vezzòca = donna devota

zezéje = zio

 

 

 

 

Aggettivi Qualificativi:

 

accencechìte = sgualcito, spiegazzato

allecchenìte= allampanato, magro, smunto

ammùlle = molle

arreccenìte= aggrinzito

àvete = alto

babbasóne = sciocco, sempliciotto

cannarùte = ghiotto, goloso

cialefóne = pasticcione

ciuótte = grasso

criùse = curioso; bruttino

fàvese = falso

fìrme = accorto; avveduto

freggelùse = freddoloso

frullùte = capriccioso, viziato

gnervenìte = nevrotico, esaurito

malecriàte = maleducato

mànzele = mansueto

'mbusse = bagnato

'ncrepànte = arrogante

'nducchite = intontito

'ngùrde = ingordo

peccerìlle = piccino

préna = incinta

sceplenàte = trasandato

sciurràte = spettinato

schiuórte = storto

spìcce = libero

stìnge = avaro, tirchio

tuóste = tosto, duro

zellùse = permaloso

 

 

 

 

Verbi:

 

abberretà = avvolgere, arrotolare,incartare

accattà = comprare

acciuccàrece = abbassarsi

alà = sbadigliare

alluccà = gridare

alluscià = discernere, vedere distintamente

appapagnàrece = appisolarsi

arrunà = radunare, mettere insieme, prendere tutto e in fretta

attentà = tastare, toccare

azzullà = allacciare, legare, abbottonare

azzuppà  = cadere a terra

baccaglià = discutere animatamente

capà = scegliere; entrare

ciuppecà = zoppicare

gliótte = inghiottire

gruffelà = russare

ittà = buttare

mascecà = masticare

mazzià = malmenare, picchiare

'mbónne = bagnare

'mbrecenà = sporcare

munnà = spazzare per terra

'ncecéje = incretinire, imbecillire, stordire

'ncialefà = imbrattare

'nghianà = salire

'nnazzecà = cullare

'ntartaglià = balbettare

'nzengà = indicare

panógne = ungere

pazzià = giocare

ragnà = graffiare

rammuréje = spegnere; smorzare

remunnà = sbucciare

renzerrà = rinchiudere

reselà = ripulire, riordinare

riittecà = sobbalzare

sberretà = svolgere,scartare

scarafunà = scarabocchiare

schiuffà = sbattere con violenza

sellazzà = strapazzare, sbatacchiare

smecenà = frugare, rovistare

sparagnà = risparmiare

speccià = liberare, ordinare; pettinare

spènne = spendere

sperneccià = sbattere i panni prima di metterli ad asciugare

speselà = sollevare un peso

squaccià = ferire in testa

struje = consumare

sucà = succhiare

surchià = sorseggiare

suscià = soffiare il naso

tuzzà = sbattere

tuzzelà = bussare

vénne = vendere

vussà = spingere

zampià= scalciare

zuffelà = soffiare

 

 

 

Avverbi – Locuzioni Avverbiali

 

a capabàlle = in discesa, con il capo verso valle

a capammónte = in salita, con il capo verso il monte

a cùrte = a breve

a nevèlle = da nessuna parte

abbàlle = a valle; sotto

accusceje = così

addiùne = a digiuno

addumàne = domani

ammónte = a monte; sopra

andó = dove

appappòsta = per finta

appriésse = appresso , poi, dopo

arrète = dietro

attuórne = intorno

cchióue = più

dafòre = fuori

dapóue= dopo

davéntre = dentro

dèccheta = da queste parti

dèlleta = da quelle parti

ècche = qua, qui

èlle o èsse = là, lì

gnànze = davanti

lòche = in quel luogo

mànche = neanche, neppure

mandemàne = stamattina

masséra = stasera

= adesso, ora

'ncuólle = addosso

'ndramiénte = mentre, intanto, nel frattempo

ne lìcche o ne ‘nzìgne = un pochettino, una minima parte

nóne = no

'nzinghetafàtte = detto fatto, all'improvviso

póuche = poco

scìne = sì

uógge = oggi

 

 

 Il Nostro Dialetto…dalla "Testa" ai “Piedi”

 

 

Cliccare per ingrandire

 

còccia = testa

chépille = capelli

uócchie = occhio

récchia = orecchio

flòcia = narice

vócca = bocca

ganàscia  = mascella; guancia

mùsse = muso

vràcce = braccio

gùvete = gomito

pùveze = polso

détera = dita

detóne = pollice; alluce

ógna = unghia

meglìcule = ombelico

còssa = coscia; gamba

ghenuócchie = ginocchio

stinche o stampariélle = stinco

uósse pezzìlle = malleolo

calecàgne = calcagno, tallone.

pède = piede

  

E ancora:

 

cànna = gola

cannaruózze = pomo di Adamo; gozzo

chénnerine = tonsille; corde vocali

custàte = costole

gugnìne o ghegnìne = gengive

léngua = lingua

'ngunàglia = inguine

'ntràme = interiora; budella

 

 

Courtesy by: Alunni delle Scuole Elementari di Villalago ed i loro Insegnanti

 http://www.scuolevalledelsagittario.it/villalago.htm

 

 

Le  Poesie dei Ragazzi della Scuola di Villalago

  

La Villa

Miriana cl. III

 

Da muntagne è rammantata

i ce sta pure ne bielle lache

andò ne Sante cià abbetate.

 

Vecine alla fonte tutte ce retruveme,

faceme ddu’ chiacchiere

i doppe nu quetrane giucheme.

 

 

 

 Le lache de notte

Giulio cl. III

 

Ogni vota che te ‘uarde

me simbre sempre chiù

bielle i mesteriuse.

Atturniate da ‘sse pussente muntagne

toue te lasse nnazzeccà

i l’acqua, appena scutelata da le viente,

sbatte che dulcezza alla riva té.

Intante la luna

te ‘llumena i t’ammira,

gudendece ste paradejese

aunite a meje.

  

 

 

La Play Station

 Youri cl. III

 

Jeje, che la play station,

me deverte assà:

quande pozze,

na partita ma da fa’;

facce le sfide pure che papà,

ma fine a quande quiste

nen ce cumenza a arrabbià:

jeje ride tante, che pateme

cumenza a biestemà!

Venge sempre jeje,

fine a quande

da la vocca de pateme

c’esce: “Che te puozze cecà”.

Allora j’capisce che la play station

ada lassà!

Ma appena isse c’è calmate,

le rechiame pe’ recumenzà a giucà.

A meje la play station me piace assà!

  

 

 

 

 

Le prime sole

Diana cl. IV

 

Finalmente le calle è arrevate

i mma le recertiele alle prime sole

tutte c’eme affacciate.

Le brutte tiempe ce n’è scappate

i tutte jeme a spasse smanecate.

Nu quetrane, che i nuostre remure

purteme le buon umore.

Ogni juorne pare na festa

perché la bella stagione ce aspetta!

  

 

 

Frateme

Giorgia cl. IV

 

Alessie, frateme,

è ne quatrane despettuse.

Ce piace giucà,

ma è ne lamentuse…!

Nen è tante ciuttarielle,

ma è sempre le cchiù bielle.

Penza sempre a vedè la televisione

i nen tante ce ‘ngozza de ì alla scola

a fa’ lezzione.

Ce steme sempre a acciaffà,

però doppe la pace ce tocca fa’.

Ma è sempre frateme

i ce vuoglie bene assà.

 

 

 

 Le pallone

Loris cl. IV

 

È na cosa tonna i bella

che me deverte assà.

Tutte le vote le vuoglie acchiappà

i giucarce senza straccarme ma’.

Na vota so terate che tutta la forza:

quela porta loche steva,

ma me pareva che ce muveva.

Pure quela vota so pegliate le pale.

 

 

 

 Le piccione

Tiziano cl. IV

 

Vecine alle cummune

ce stane ne sacche de pecciune.

Quande stienghe alle balcone

i vede sotte alle curnecione.

Quande cumenzane a vulà

ce batte le mane e i facce reggerà.

La sera, quande nen passa nesciune,

ce sente ne remore:

è le verse de le piccione!

 

 

 

  

 

Primavera

Andrea cl. V

 

Ancora mò ve’ le tiempe bielle,

sboccia le fiore

i recanta l’aucielle.

Ne ventarielle ve’ da la muntagna;

va pe’ la campagna na farfalla,

gira gira i nen ce posa,

sembra cuntenta

i va sopra ogni cosa.

Mille fiore ha già remisse l’albere de le vallone;

a Lacu Peja recantane le ranocchie.

Pe’ le ciele svulazza na rundenella

i pe’ l’aria ce sente tanta giuvenezza

c’alle core te mette tanta cundendezza. 

 

 

 

 La mamma meje

Gardenia cl. V

 

La mamma meje

è mma la farejena:

nen smette ma’ de serveje.

M’aiuta che i ‘uaje

i nen me lassa maje.

Jessa è dolece mma le zucchere,

è tenera ‘nda na mozzarella;

ce squaglia penzenne a meje:

è la mamma che vuoglie jeje.

 

 

Courtesy by: Alunni delle Scuole Elementari di Villalago ed i loro Insegnanti

 http://www.scuolevalledelsagittario.it/villalago.htm

 

 

 

 

 

Home
Su

 

 

Il Costume Villalaghese

 

 

 

I Termini Dialettali

 

 

 

 

 

 

Usi e Costumi:

Tradizioni Popolari

 

 

 

Il Museo

dell'Arte Contadina

 

 

 

 

 

 

 

Le Meraviglie della Natura:

La Flora e la Fauna nel PNALM

 

 

 

Guida:

Escursioni in Montagna

 

 

 

La Riserva Naturale del

Lago di San Domenico e Lago Pio

 

 

 

Immagini Flora

 

 

 

Immagini Fauna

 

 

 

Il Parco Letterario

Gabriele d'Annunzio...

 


Home | Costume Donna Villalaghese | Il Matrimonio Villalaghese | Termini Dialettali | Detti - Proverbi - Soprannomi | Testi e Pubblicazioni | Personaggi Illustri | Il Parco Letterario GdA

Copyright © 2006-2014 RR/FG - www.villalago-abruzzo.com - www.villalago-abruzzo.org  - All Rights Reserved

Per informazioni tecniche o domande su questo sito Web contattare: postmaster@villalago-abruzzo.com

 

Ultimo aggiornamento: 29-01-14.